logo_bridal

Si è conclusa con successo la prima edizione di “Bridal Fashion Award”, la kermesse organizzata da Calabria Sposi, in collaborazione con il blog “Modi di Moda” di Mariapia Della Valle, che ha visto protagonisti giovani stilisti emergenti accorsi da tutta Italia.  Una giuria di settore, presieduta dallo stilista Claudio Greco, ha visionato personalmente gli abiti, presentati dai designer stessi, e poi li ha giudicati in passerella. La tutela dell’arte, della moda, dell’artigianato Made In Italy partono da quella dei giovani designers, delle loro proposte. I talenti emergenti vanno sostenuti nelle attività di crescita, promozione, distribuzione delle proprie creazioni. Sono queste le premesse da cui è partito il progetto Bridal Fashion Award, che volge ad accrescere la consapevolezza dell’identità artistica e commerciale degli stilisti e a metterli in contatto con buyers, stampa di settore e opinion leaders, al fine di una proficua crescita professionale.

A vincere il primo premio è stata Barbara La Lia, che si è aggiudicata una borsa di studio di mille euro e uno shooting fotografico con pubblicazione sul Magazine “Calabria Sposi”.

La stilista siciliana ha conquistato la giuria con “Pezzi d’arredamento” una collezione futurista ma che guarda al passato, ispirata ad un vecchio tavolino rotondo lasciato grezzo e poi abbellito da pezzi di tessuto e passamaneria, che lo coprono lasciandone intravedere solo la forma. A Pietro Monterosso, stilista di origini calabresi formatosi a Firenze, presso il Polimoda, è stato assegnato il premio “Artigianato Made in Italy” con From darkness to light”, una collezione che utilizza la simbologia cromatica, dal nero al bianco, per un viaggio essenziale: l’evoluzione dalla tenebra alla luce.  L’estro di Dimitar Dradi è stato insignito del premio “Creatività”. Lo stilista romagnolo di origini bulgare ha colpito la giuria con i suoi abiti “scultura” che esaltano la donna in tutta la sua forza e femminilità.

Dimitar, già noto per la sua partecipazione all’Accademia “Detto Fatto” su Rai1, ha conseguito uno stage presso la Maison di Gianni Molaro. Uno shooting con pubblicazione sulla rivista “Calabria Sposi” il premio per i due vincitori delle categorie  “Artigianato Made in Italy” e Creatività”. Serenella Costa, designer emergente fuori concorso, ha presentato la sua linea di clutch hand made adatte per ogni occasione. In seta, con dettaglio bijoux, bianche, in eco pelle: Serenella Costa, ha presentato proposte per ogni occasione, dalla borsa da cocktail a quella da sera fino ad arrivare alla sposa. Questi tutti gli stilisti in concorso: Ben Talarico, Alessia Staropoli, Arianna Di Maio, Barbara Barberi, Pietro Monterosso, Silvia Aiello, Maria Rosaria Borgese, Tiziana Pansino, Karina Perez, Carmelo Mazzuca, Angelo Scatigno.

Talento, artigianalità e Made in Italy sono stati i concetti chiave di una kermesse che è “solo il punto di partenza per noi, perché i designer emergenti, la loro realizzazione, lo sviluppo di canali commerciali e di comunicazione è ciò che preme a noi di Calabria Sposi e continueremo a lavorare tenendo in considerazione i giovani” ha dichiarato Massimo Mauro, direttore di “Calabria Sposi” il quale ha aggiunto “nel nostro Paese, i giovani sono una ricchezza da valorizzare e sostenere e non sfruttare, o peggio ignorare, per fare in modo che restino nel proprio Paese e contribuiscano alla crescita e alla valorizzazione dello stesso”.