Sin dall’antica Grecia, nella festa del matrimonio, compaiono piccole figure per dare più spontaneità e allegria all’evento, gli Amorini e le Grazie, che accompagnavano la sposa sorreggendo delle fiaccole ed inneggiando dei canti rivolti agli dei. Oggi queste figure sono rappresentate dai paggetti e dalle damigelle che svolgono alcuni compiti all’interno della cerimonia.
Solitamente sono i bambini più piccoli delle famiglie o in caso di secondi matrimoni i figli della sposa e dello sposo.
Vediamo nel dettaglio di cosa dovranno occuparsi i nostri splendidi piccoli. Le damigelle avranno il compito di spargere petali di rose al passaggio della sposa ed altre invece seguiranno il corteo nuziale sorreggendo il velo. I paggetti, invece, avranno l’incarico ufficiale di portare le fedi nuziali su di un cuscino di velluto o di seta.

Durante il 
rito del matrimonio, entrambi potranno sedersi accanto ai propri genitori per sottolineare l’importanza che ricopre la famiglia. Il loro numero può variare dai 2 fino ad un massimo di 8, un numero superiore ai 12 è quasi da matrimonio principesco, basta comunque ricordare che dovranno essere di numero pari.
Finita la cerimonia, i bambini potranno ancora contribuire alla festa donando le bomboniere agli invitati.
Ricordate, date sempre importanza alle piccole cose e tutto riuscirà per il meglio.
FB Vanity

CondividiShare on FacebookTweet about this on Twitter