QUALE CORONCINA SEI? SCEGLI QUELLA GIUSTA!

0
460

Sono sempre più numerose le spose che scelgono di indossare la coroncina nel giorno delle nozze.

Ma le coroncine sono ben diverse tra loro: scopriamo insieme le differenze così da scegliere la coroncina più adatta al proprio stile e al proprio abito da sposa. Iniziamo con la:

Tiara: antico copricapo persiano di forma conica, simbolo di autorità. Il significato traslato in campo wedding rappresenta la semicoroncina, spesso luccicante, che le spose scelgono per trattenere il velo. La tiara da matrimonio richiama uno status reale, un nome di famiglia o più semplicemente un manifesto desiderio di regalità. Ce ne sono di tutte le forge e i tipi: tiara alta, tiara degradante, tiara bassa, tiara piatta, per adattarsi ad ogni preferenza e ad ogni velo. La tiara è identificata in quella che la fiabesca Kate Middleton ha avuto in prestito dalla Regina Elisabetta per fermare il suo velo corto, tanto per intenderci, ed è in sostanza una coroncina che non fa il giro completo (a differenza della corona).

Diadema Pendente:

Regale come una principessa elfica, splendente come una dea del ghiaccio. Il diadema che lambisce l’attaccatura dei capelli e ricade sulla fronte, con una perla o una pietra preziosa, è prerogativa di un
matrimonio per nulla banale. Raffinato ma non stucchevole, il diadema pendente riporta indietro nel tempo, in un impero napoleonico come in una notte stellata di una principessa araba, e lo fa senza tentennamenti. Interpretare il diadema starà alla sposa, al vestito che ha scelto e alla cerimonia, sapendo che la dolcezza e la maestosità di questa scelta influenzeranno comunque tutto l’evento

Corona

La corona si distingue dalla tiara normalmente per due aspetti: il primo è che la corona “chiude il giro” ossia fa il giro completo del capo, oltre a questo è solitamente arricchita con pietre preziose e guglie ed è solitamente più alta della tiara. E’ quella indossata dalla principessa Victoria di Svezia al suo toccante matrimonio. La corona è molto più impegnativa da portare perchè è sinonimo diretto di regalità: se non ne possedete una per casato, meglio lasciar perdere e optare per la più “portabile” tiara.

Nastro

 Elegante, di raso, di seta, di cotone. Un nastro tra i capelli fa subito principessa, meglio se applicato sui capelli come un cerchietto e appuntato dietro la nuca in maniera invisibile. Si sposa bene con qualunque tipo di vestito e di cerimonia: dal matrimonio in cattedrale a quello sul prato, l’ unica differenza sarà il tessuto, ma l’ effetto sarà identico: una sposa chic con un’ allure regale. Chi sceglie questa opzione, solitamente preferisce la semplicità elegante, ma per impreziosire ulteriormente il nastro, si possono usare bordure con swarovski o con ricami da applicare sopra oppure, ancora più elegante, da sostituire al nastro stesso.

Cerchietto

Elegantissimo e decisamente bon ton, il cerchietto è la scelta più opportuna per acconciature lisce e chic, perfetto su vestiti ricchi in tulle e dal taglio sartoriale ricercato. Solitamente in swarovski, ma anche in perle o in osso, il cerchietto può essere arricchito con figure di farfalle, fiocchetti o altri abbellimenti ed è normalmente considerato una scelta decisamente bon ton.

Vale 40…