Qual’è il segreto per vivere felici insieme? I consigli di Calabria Sposi….

0
434

Non ci sono regole da seguire per vivere un matrimonio felice ma qualche consiglio che possa aiutarvi nell’impresa di una vita assieme condividendo gli stessi spazi.

C’è chi vi terrorizzerà con la frase “NON AVETE VISTO NIENTE! ma voi non temete..una volta che toglierete il trucco e sarete nella vostra nuova casetta , tutto andrà per il verso giusto se riuscirete a seguire questi piccoli ma preziosi consigli!

NON STARE SEMPRE INSIEME 

I primi giorni di matrimonio sono come si suol dire “rose e fiori” ma vista la forte passione, si tende a voler passare tanto tempo insieme ma questo è controproducente a lungo andare. Ricordate che sotto l’abito principesco della sposa e sotto l’abito da sposo ci sono persone normalissime che hanno bisogno dei propri spazi.
 Non negatevi la libertà : stare insieme? SI! Ma non chiudetevi in un rapporto sempre e solo “a due”.

PARLARE DI SOLDI

Senz’altro vi sarete trovati già trovati in alcune situazioni in cui avete avuto a che fare con soldi e pagamenti mentre organizzavate il matrimonio: magari qualcuno avrà pagato il le bomboniere e  qualcun altro avrà saldato il conto del catering… Se non avete parlato chiaramente di denaro, nel momento in cui andrete a convivere è doveroso che lo facciate, anche se l’argomento vi mette in difficoltà.

Infatti il denaro è semplicemente un mezzo attraverso cui si possono fare delle cose e se non se ne parla, a lungo andare, diventerà probabilmente un elemento mai discusso che rischierà di far tremare le fondamenta della coppia. Per cui parlate chiaramente della divisione delle spese e di metodi pratici per gestire la questione, sempre senza limitare in modo perentorio la libertà dell’altro rispetto alle spese che vuole sostenere.

DARSI DEGLI OBIETTIVI
A parte i propri desideri personali e i propri traguardi, potreste individuare degli obiettivi come coppia:

iniziare un’attività assieme
frequentare dei corsi, darsi un appuntamento per fare sport
programmare un progetto artistico da affrontare in due
Insomma, lo stare assieme non sia soltanto passare il tempo, ma fate sì che diventi un percorso di vita vero e proprio che comprende anche le vostre passioni più profonde.

 

PARLARE MOLTO.
A volte si ha paura di annoiare l’altro, di dire cose scontate, o si pensa di aver già parlato di un argomento a sufficienza. Non date mai niente per scontato e parlate con l’altra persona a cuore aperto. Ciò non significa che possiate dire qualunque cosa, però se ne possono di sicuro dire molte per cercare di prevenire o sviscerare problemi che a lungo andare sarebbero anche in grado di intaccare l’armonia della coppia.

LE FACCENDE SI FANNO IN DUE!
 Non è la donna a fare le faccende di casa, ma è la pianificazione che consente di capire quali faccende sono da fare, chi le farà e quando. Il tempo libero e l’organizzazione determinano chi affronterà pulizie e attività simili. Ovviamente se uno dei due coniugi ha una preferenza rispetto ad una faccenda (a volte c’è chi preferisce lavare i piatti piuttosto che pulire i pavimenti) quello potrebbe diventare un suo compito fisso. Viceversa se c’è qualcosa che nessuno dei due sposi ama particolarmente, questo tipo di compito verrà assegnato una volta dal marito e una volta dalla moglie. 

DARE SPAZIO ALLE PREFERENZE ALIMENTARI

Avere abitudini diverse è normale…  ma non è detto che dobbiate cambiarle per forza: due persone che vivono assieme non sempre mangiano la stessa cosa o non cambiano delle preferenze, anche alimentari, solo perché all’altra persona non piace un cibo specifico. Siate morbidi, siate comprensivi; rispettate i gusti, le abitudini e gli spazi dell’altro.

CON IL PASSARE DEGLI ANNI SI CAMBIA.
È inevitabile, qualcuno non ci pensa, altri non riescono ad affrontarlo, ma una coppia è fatta di due persone che crescono, cambiano, si evolvono. Per quanto sia impensabile voler cambiare una persona a tutti i costi o pensare al fatto che quella persona rimanga identica negli anni, vi sarà senz’altro capitato di sentirvi molto diversi da un giorno all’altro, o addirittura da un momento all’altro. Questo succede perché nessuno è mai in un modo preciso ma si cambia continuamente soprattutto se consideriamo il fatto che nel tempo si conoscono persone differenti e si fanno esperienze di varia natura. Fatevene una ragione: non conoscete a fondo il vostro futuro marito, ma del resto questo non è affatto un male!

ATTENZIONE AI MOMENTI DIFFICILI
Ce ne saranno tanti e a volte saranno travolgenti: stiamo parlando delle giornate storte, dei periodi bui, degli stati d’ansia. Quando arrivate a casa ricordate che il vostro partner non è colui su cui sfogare le vostre tensioni, ma al massimo la persona con cui parlare con calma di ciò che vi sta succedendo. .

STABILITE PICCOLE REGOLE.
Se ci sono alcuni aspetti che proprio “non vi vanno giù” e avete bisogno di porre dei limiti, stabilite delle regole. Non dovete imporle (naturalmente) ma discuterle per trovare il modo migliore di affrontare anche le piccole cose. Così, se converrete assieme che la lavastoviglie è meglio azionarla la sera appena finito di mangiare, questa sarà la regola. Ovviamente le regole sono belle anche perché possono essere trasgredite e quindi potrete decidere assieme anche di non rispettare la regola ogni tanto. Sarà divertente!Non esiste davvero un vademecum di cose da fare perché tutto “fili liscio” alla perfezione. Di sicuro, però, essere sempre attenti all’altro e rinnovare ogni giorno la propria scommessa sul vostro percorso assieme è un ottimo modo per far durare a lungo una relazione. È normale che una volta a casa tutti i giorni assieme vi vedrete anche nei momenti peggiori, non solo come nel giorno delle nozze con l’abito da sposa e un trucco mozzafiato che vi rende affascinanti. Altro che acconciatura da sposa! A volte sarete poco in ordine o coi capelli fuori posto, vi sentirete brutte, a volte non starete bene, ma la cosa importante è che in ogni momento, nel bene e nel male, sentiate di poter contare sull’altro. Chi vi dice che “non sarà una passeggiata” vivere assieme, ha ragione. Quello che non vi dicono, però, è che ne vale proprio la pena!